Dal 1981 ogni anno il 16 ottobre si festeggia la Giornata Mondiale dell'Alimentazione, organizzata dalla FAO. Ma il 16 ottobre si celebra anche il World Bread Day, ovvero la Giornata Mondiale del Pane, vale a dire una giornata in onore del re della tavola, una giornata per celebrare il pane.

Istituita nel 2006 la Giornata Mondiale del Pane vuole incoraggiare la gente a mangiare… pane buono.
Se è infatti vero che negli ultimi anni c’è stato un calo dei consumi di pane calano soprattutto le vendite dei filoncini di produzione industriale, mentre c'è una riscoperta dei pani tradizionali tipici di alcune zone del Paese. Se ne contano oltre duecentocinquanta tipi, con numerose varianti. Nella provincia di Vicenza sono quasi 300 i panificatori, che lavorano di notte per sfornare al mattino pagnotte e filoni che profumano e sanno veramente di pane.
Il pane fresco artigianale ha una storia, poiché è fatto per lo più con farine che provengono dal territorio e non conosce additivi per migliorarlo, che sono necessari per reggere i processi di surgelazione e di confezionamento della grande distribuzione.
Un'altra cosa che distingue il pane industriale da quello tipico è il tipo di lavorazione e il lievito. Infatti spesso viene impiegato il lievito madre, che può essere un pezzetto di pasta della precedente lavorazione oppure un impasto a base di farina, acqua e zuccheri che, mescolati tra di loro, fermentano spontaneamente, producendo anidride carbonica, da cui la lievitazione naturale.
Innumerevoli sono le iniziative che i panificatori di Confartigianato Vicenza realizzano da anni per promuovere il consumo di pane artigianale e per i panifici della provincia.
Ultimi e di gran successo sono gli eventi organizzati dagli “Artigiani del Pane” a Grisignano alla Fiera del Soco, a Bressanvido al Festival dell’Agricoltura e a Marano Vicentino alla fiera dell’Alto Vicentino, a novembre poi alla Fiera di san Martino a Breganze: produzioni di pane, degustazioni per un pubblico entusiasta e sempre più interessato a mangiare pane buono. Ruggero Garlani presidente dei Panificatori di Confartigianato Vicenza è molto soddisfatto “L’anno scorso abbiamo lanciato una campagna promozionale intitolata Dal fornaio ogni giorno è straordinario ribadendo, attraverso sei video lanciati sulla Rete e subito accolti da migliaia di visualizzazioni, l’importanza dell’alimento per eccellenza.” (I video sono visibili su youtube digitando artigiani del pane Vicenza)
Così Garlani risponde a quanti si si interrogano sul calo di attività nel settore. “Il minor utilizzo del pane – osserva - è un fenomeno iniziato negli anni ’80, e da quel periodo il mondo è cambiato completamente. I forni chiudono per svariati motivi, come il ricambio generazionale o gli alti costi di gestione, ma è soprattutto il mercato a essere diverso, e noi lo affrontiamo puntando sulla qualità artigiana”.
Per questo, spiega il dirigente, “da anni organizziamo iniziative di promozione del pane andando in piazza a mostrare come lo prepariamo, lo impastiamo, lo cuociamo, facendo assaporare alla gente il sapore e l’aroma di quel prodotto che ogni giorno si trova nei nostri negozi. Stimoliamo il lancio di nuovi prodotti come La Vicentina, collaboriamo con le Ullss per la riduzione del sale nel pane, svolgiamo formazione tecnica con i nostri soci su come migliorare l’offerta introducendo nuovi ingredienti o recuperando tecniche tradizionali”.